• ABAX INFORMA | Bambini e salute: il reflusso, semplice disturbo o patologia?

    ABAX INFORMA | Bambini e salute: il reflusso, semplice disturbo o patologia?

    Uno dei disturbi più frequenti che possiamo riscontrare nei bambini è il reflusso gastroesofageo, ovvero la risalita del contenuto dello stomaco nell’esofago. Ne parliamo con il Dott. Ghezzo, specialista in Gastroenterologia del Centro Abax di Cuneo. 

     

    “Spesso si tratta di un evento fisiologico, ma in alcuni casi è una vera e propria patologia caratterizzata da sintomi specifici. Tra quelli più comuni ci sono vomito, bruciore, dolore addominale, acidità e difficoltà a deglutire. Raramente si possono presentare anche tosse cronica, asma, mal di gola, polmonite, irritabilità. Alcune volte la malattia da reflusso può complicarsi in esofagite, l’infiammazione cronica e acuta dell’esofago.”

    Come si diagnostica il reflusso?

    Diagnosticare questa patologia nei bambini non è semplice: quelli più grandi possono spiegare i sintomi e lo specialista può prescrivere dei farmaci anti-reflusso, ma nei pazienti più piccoli è spesso necessario effettuare degli esami strumentali. “Tra questi, – ci spiega il Dott. Ghezzo – il più preciso è la pHmetria, un esame poco invasivo che, grazie a una sonda e a un registratore portatile, rileva la quantità di acido presente nell’esofago e nello stomaco in 24 ore. Un altro esame disponibile è l’esofagogastroduodeoscopia, un accertamento più specialistico indicato nei casi in cui si sospetta un esofagite.”

     

    Quali sono i trattamenti possibili? 

    La malattia da reflusso può essere trattata con una cura farmacologica, grazie a farmaci che inibiscono la produzione di acido nello stomaco. Nei piccoli pazienti più gravi, per esempio quelli che presentano delle malformazioni, potrebbe essere indicato l’intervento chirurgico attraverso la plastica antireflusso, una procedura che permette di riportare alla normale funzionalità lo sfintere esofageo inferiore, ricostituendo la naturale barriera anti-acido.

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply