• L’esposizione ai raggi solari: quali pericoli per la vista?

    L’esposizione ai raggi solari: quali pericoli per la vista?

    Tutti sappiamo come il sole sia un’importante fonte di benessere per l’organismo; allo stesso tempo, come abbiamo visto in un nostro precedente articolo (clicca qui per leggerlo), una prolungata esposizione ai raggi solari può causare gravi effetti indesiderati sul nostro organismo, qualora non ci si protegga in maniera adeguata. 

    Tra le parti del corpo più sensibili all’esposizione al sole, sicuramente si pongono gli occhi. Il sole, tramite i propri raggi, è in grado di produrre infatti una notevole aggressione agli occhi: scopri di più, leggendo questo nuovo articolo. 

     

    Il sole negli occhi: quale pericolo per la vista?

     

    Vanno innanzitutti distinte tre tipologie di raggi luminosi: 

     

    • I raggi blu: potenzialmente all’origine di danni alla retina, essi possono provenire sia dal sole che dagli schermi digitali di computer e smartphone.
    • I raggi infrarossi:  invisibili agli occhi, sono però avvertiti da noi esseri umani attraverso variazioni di temperatura. Sono proprio questi raggi a conferire alla pelle esposta al sole una sensazione di calore. In piccole quantità, essi non presentano alcun rischio per la salute degli occhi.
    • I raggi ultravioletti – i cosiddetti raggi UV – sono impossibili da vedere o da avvertire ad occhio nudo, e sono potenzialmente i più dannosi. In via precauzionale, è bene proteggersi da questi raggi in ogni circostanza.

     

    Se di sera, dopo una giornata passata a prendere il sole sulla sabbia, ti ritrovi ad avere gli occhi rossi, e ad avvertire una sensazione di bruciore, potrebbe trattarsi di piccole ustioni, provocate dalla loro esposizione ai raggi solari. Proprio come quelle che colpiscono la pelle, queste ustioni sono bruciature spesso curabili e passeggere; tuttavia, un’esposizione costante degli occhi al sole potrebbe far sì che queste piccole bruciature momentanee si aggravino, portando a conseguenze più serie. Nel concreto, essa quali effetti può produrre?

     

    L’occhio secco

    Il caldo e il sole possono provocare la secchezza oculare: i raggi infrarossi o il vento forte, scaldando e talvolta bruciando le palpebre, fanno evaporare velocemente il film lacrimale, cioè il velo protettivo che riveste la cornea e rappresenta una protezione naturale dell’occhio. Evaporando, il liquido lacrimale lascia la cornea esposta all’azione di agenti esterni, e quindi in uno stato di pericolo. I sintomi dell’occhio secco? Bruciore, sensazione di corpi estranei presenti nell’occhio, fotofobia, difficoltà nell’apertura della palpebra al risveglio e, eventualmente, dolore e annebbiamento visivo. 

    Nel blog puoi trovare un articolo che tratta il tema dell’occhio secco più approfonditamente: clicca qui per leggerlo. 

     

    La cheratite

    Dolore e fastidio intenso agli occhi, che sembrano pieni di granelli di sabbia? Difficoltà nell’aprirli? Sono i sintomi della cheratite, problematica che colpisce soprattutto chi passa lunghe ore al sole sulla spiaggia, in mancanza di adeguate protezioni per gli occhi. L’esposizione prolungata al sole scalda e asciuga completamente l’occhio: ciò genera importanti problemi alle cellule che lo costituiscono. 

     

    La congiuntivite

    Altra problematica che può essere causata da una prolungata esposizione ai raggi UV – ma anche da forti colpi di vento – è la congiuntivite. Gonfiore e arrossamento oculare sono i principali sintomi che caratterizzano la congiuntivite. Essa guarisce solitamente nel giro di pochi giorni; tuttavia, va curata subito, fin dai primi sintomi, poiché lasciare che s’instauri un’infezione batterica renderebbe la congiuntivite molto più lunga e difficile da trattare.

     

    La cataratta

    Spesso la si associa all’avanzare dell’età, ma tra i fattori di accelerazione e di sviluppo di questa patologia si collocano i raggi UV: si tratta della cataratta, la prima causa di cecità al mondo. 

    Data la natura invasiva della cataratta, è importante attivarsi per una sua corretta prevenzione. In ogni caso, fortunatamente, oggi è possibile rimuoverla in tutta sicurezza ed in poco tempo, trattando simultaneamente i principali difetti visivi. Ne abbiamo parlato in un nostro precedente articolo: clicca qui per saperne di più. 

     

    Attenzione ai bambini!

    Se una prolungata esposizione ai raggi solari è potenzialmente dannosa per gli adulti, ciò vale ancora di più per i bambini. Nei bimbi il cristallino, la “lente” di cui sono dotati i nostri occhi per mettere a fuoco gli oggetti, è in formazione fino al 12° anno di età. Pertanto, essendo più delicati, gli occhi dei nostri bambini possono subire scottature veloci e particolarmente serie. E’ quindi importante difendere i più piccoli dalla luce diretta del sole, assicurandosi che indossino un buon paio di occhiali da sole, e magari un cappellino con visiera.

    Non solo: un monitoraggio costante della salute visiva dei nostri bambini, con il supporto di esperti in oftalmologia infantile, può davvero aiutare i genitori in maniera decisiva nel difficile compito di difendere la salute dei più piccoli. Clicca qui per leggere i consigli dei nostri specialisti sulla cura della salute visiva dei bambini.

     

    [Prenota una visita: è facile e senza tempi di attesa]

    Leave a reply →
  • Posted by Luisa Malerba on luglio 19, 2019, 5:10 pm

    L’utilizzo costante di buone lenti da sole ci protegge a sufficienza?

    Reply →
    • Posted by Centro Abax on luglio 23, 2019, 4:01 pm
      in reply to Luisa Malerba

      Gentile Luisa, certamente un paio di occhiali da sole può essere un ottimo alleato contro i danni provocati dai raggi solari alla vista. A patto, però, e che le lenti degli occhiali siano di qualità! Soltanto occhiali da sole con lenti di qualità infatti possono garantirti una protezione non solo dai raggi solari “visibili”, ma anche da quelli UV, che sono proprio i più pericolosi! Scegliere lenti di qualità significa anche investire sulla durabilità della protezione, visto che le lenti “a buon mercato”, spesso e volentieri, sono più inclini a deteriorarsi in fretta. Insomma: consigliamo assolutamente di rivolgersi esclusivamente a rivenditori qualificati per l’acquisto di occhiali da sole; allo stesso modo, suggeriamo vivamente di comprare occhiali da sole che siano contrassegnati dal marchio CE e che siano accompagnati dalla nota informativa, rilasciata dal fabbricante, contenente informazioni importanti (come quelle sulla tipologia di filtro solare e le istruzioni di impiego, pulizia e manutenzione).

      Reply →

Leave a reply

Cancel reply