fbpx

Ozonoterapia

Una prestazione specialistica svolta presso il Centro Abax

terapia antalgica

Cos’è l’ozonoterapia?

L’Ossigeno-ozonoterapia, conosciuta più semplicemente come Ozonoterapia, è una pratica medica che consiste nella somministrazione di una miscela di ossigeno puro e ozono a concentrazioni variabili. Come spiega il dott. Gerboni, “l’ozonoterapia può essere impiegata in numerose patologie, poiché differenti vie di somministrazione e diverse concentrazioni di ozono portano, a loro volta, a differenti effetti terapeutici.” Il successo dell’ozonoterapia risiede nella sua efficacia, “superiore, secondo la letteratura scientifica, ad altri trattamenti; in altri casi, l’ozonoterapia ne migliora la risposta.”

Quando serve l’ozonoterapia?

  • Gastroenterologia, per la cura di Morbo di Crohn, coliti ulcerose e gastriti;
  • Chirurgia generale, per trattare piaghe da decubito, ustioni e ulcere;
  • Oftalmologia, per il trattamento di arteriopatie, maculopatie, sindrome dell’occhio secco;
  • Ortopedia, quando si ha a che fare con artropatie, cervicalgie, lombalgie, neuroma di Morton, sindrome del tunnel carpale, e molto altro;
  • Dermatologia, per la cura di acne, eczemi, psoriasi, micosi e herpes;
  • Neurologia, per trattare Parkinson, Alzheimer, sclerosi e cefalee;
  • Ginecologia, per curare vaginiti e dispareunia.

Come avviene il trattamento?

Le modalità con cui questa particolare miscela di ozono e ossigeno viene introdotta nell’organismo varia a seconda del problema da trattare. L’ozonoterapia può essere somministrata per:

  • Infiltrazione: previa accurata disinfezione, con aghi sottili, sterili e monouso. In tal caso, come afferma il dott. Gerboni, “la procedura viene in genere ben tollerata dal paziente; si può avvertire talvolta una temporanea sensazione di pesantezza o dolore urente (bruciore) transitori. Esiste anche la possibilità di un risveglio temporaneo, il cosiddetto ‘dolore risvegliato’, che dura però generalmente solo pochi minuti.”
  • Autoemoterapia: consiste nel prelievo di una determinata quantità di sangue in un’apposita sacca e, previa ozonizzazione a differenti concentrazioni, la reinfusione dello stesso. Il dott. Gerboni è particolarmente sicuro dell’efficacia di questa modalità di somministrazione: “Studi scientifici e un’ampia pluridecennale esperienza internazionale hanno dimostrato l’utilità e l’efficacia del sangue ozonizzato per il trattamento di innumerevoli situazioni patologiche.”
  • Insufflazione rettale: tramite un sottilissimo sondino lubrificato l’ossigeno-ozono viene introdotto nel retto. Prima di sottoporsi a questo trattamento, è utile predisporre una preventiva pulizia del colon tramite microclisma. Secondo il dott. Gerboni, “l’insufflazione rettale sfrutta la grande capacità del colon di assorbire farmaci, in modo identico a ciò che accade con le comuni supposte.”
  • Bagging: posizionato un apposito sacchetto a tenuta – in genere su un arto – si va a creare il vuoto al suo interno. Successivamente, si riempie il sacchetto con ossigeno-ozono, lasciandolo poi agire per un determinato periodo di tempo. “La tecnica del bagging trova indicazione soprattutto nel trattamento delle ulcere di vario tipo, come quelle diabetiche e vascolari” afferma il dott. Gerboni.
  • Acqua e olio ozonizzati: utilizzabili tramite assunzione orale o topica.

Quali sono i principali vantaggi?

Vastità di applicazioni e efficacia di utilizzo, certo. Ma i vantaggi legati all’ozonoterapia non finiscono certo qui: “Va sottolineata – precisa il dott. Gerboni – la bassissima incidenza di effetti collaterali dovuti all’azione propria del gas, così come quella di complicanze relative alle tecniche di applicazione, qualora vengano attuate da mani esperte e nel rispetto delle linee guida. Trattandosi di un gas, questo può essere veicolato anche attraverso aghi sottilissimi, e quindi poco dolorosi.”

Prenota la tua prestazione

Scopri di più sulla specialità

Leggi gli ultimi articoli

Gli specialisti per questa prestazione

Dott. Davide Gerboni

Specialista in Terapia Antalgica

Visita il suo profilo >

Dott. Enrico Obertino

Specialista in Terapia Antalgica

Visita il suo profilo >