fbpx

Visita oculistica generale

Una prestazione specialistica svolta presso il Centro Abax

L’occhio è certamente uno degli organi più sensibili del nostro organismo. L’occhio viene costantemente attraversato da moltissime informazioni, che ci permettono di metterci in contatto con il mondo esterno. Per sapere quali comportamenti adottare per permettere che il sistema visivo si sviluppi al meglio nei primi anni di vita e mantenersi in salute negli anni a venire, ma anche per individuare determinati disturbi, è utile sottoporsi periodicamente a una visita oculistica generale.

Quando fare una visita oculistica generale?

Si consiglia di sottoporre i bambini, se privi di sintomatologia:

  • prima dei 3 anni;
  • prima di aver compiuto 6 anni, in occasione dell’inizio della scuola elementare;
  • ogni 1-2 anni, anche fino ai 14 anni se l’oculista lo ritiene necessario;

In età adulta, i pazienti dovrebbero sottoporsi a visita oculistica generale:

  • ogni 4 anni a partire dai 40 anni, ogni 2 anni a partire dai 60, e, infine, ogni anno dopo il 65 anno di età;
  • in caso di familiarità con malattie della vista, ogni 5 anni fino ai 39 anni;
  • qualora il paziente soffra di determinate patologie, o comunque a discrezione del medico curante, anche ogni 1-2 anni.

Come si svolge la visita?

La visita comprende diverse fasi:


  • una fase di anamnesi, in cui si raccolgono informazioni di carattere generale ed oculare;
  • successivamente, un esame obiettivo, volto ad analizzare l’allineamento e la motilità degli occhi;
  • una biomicroscopia: tramite la proiezione di una sottilissima lama di luce sull’occhio, totalmente innocua, e con l’ausilio di lenti d’ingrandimento, possono essere esaminate diverse strutture dell’occhio, come palpebre, congiuntiva, cornea, cristallino, iride, e così via;
  • un’autorefrattometria, per l’esame di difetti visivi come miopia, ipermetropia, astigmatismo;
  • un esame dell’acuità visiva, per misurare la capacità degli occhi di mettere a fuoco e di distinguere gli oggetti; esame questo che si svolge anche nella visita oculistica per il rinnovo della patente;
  • tonometria, ossia la misurazione della pressione oculare – utile alla diagnosi del glaucoma;
  • esame del fundus oculi.

Il medico specialista, in base ai dati raccolti, effettua la diagnosi. Se sufficienti elementi indicano la diagnosi di una patologia, il paziente viene indirizzato ad ulteriori visite specialistiche, come ad esempio la visita per il glaucoma o quella per la cataratta. Stesso discorso vale per quei pazienti in cui è stato riscontrato un difetto visivo.

Prenota la tua prestazione

Scopri di più sulla specialità

Leggi gli ultimi articoli

Gli specialisti per questa prestazione

Guido Caramello

Guido Caramello

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Rosanna Perno

Rosanna Perno

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Gaudioso Del Monte

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Patricia Indemini

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Marco Leto

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Enza Pirozzi

Enza Pirozzi

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Cristiana Valente

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Rachele Roberta Penna

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Nikolas Koukas

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Antonio Capocotta

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Beatrice Bonetti

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Raphael Gallo

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >

Renata Migliardi

Renata Migliardi

Specialista in Oftalmologia

Visita il suo profilo >