fbpx

Visita tricologica

Una prestazione specialistica svolta presso il Centro Abax

In cosa consiste la visita tricologica?

La tricologia è quella branca della dermatologia e della medicina estetica che si occupa di studiare lo stato di salute dei capelli e del cuoio capelluto: in tal senso, la visita tricologica mira ad individuare possibili anomalie che li riguardino.

Quando sottoporsi a visita tricologica?

La visita tricologica è consigliabile qualora si riscontrino determinate problematiche legate al cuoio capelluto tra cui:

  • alopecia e calvizie;
  • psoriasi;
  • capelli grassi;
  • capelli secchi;
  • dermatite;
  • follicolite;
  • forfora.

Solo attraverso la visita tricologica, i nostri dermatologi e chirurghi estetici sono in grado di formulare una diagnosi appropriata e di indicare la giusta terapia per lo specifico problema riscontrato.

Come viene eseguita la visita tricologica?

La visita tricologica completa, dalla durata media di un’ora, si compone di fasi distinte, ossia

  1. anamnesi;
  2. esame obiettivo;
  3. pull test;
  4. wash test;
  5. analisi strumentale.

1) ANAMNESI
Mediante un colloquio conoscitivo, detto anamnesi, si raccolgono dal paziente le informazioni di cui necessita, riguardanti il suo stato di salute, le sue abitudini, il suo stile di vita. E’ in questa fase che lo specialista pone al paziente domande mirate per capire anche se dietro alle problematiche di capelli e cuoio capelluto si celino anche fattori ereditari.

2) ESAME OBIETTIVO
Ricorrendo ad un’apposita lampada lo specialista effettua un’analisi visiva delle anomalie del cuoio capelluto. In seguito a tale controllo, se lo ritiene necessario, il medico passa ad esami ulteriori, come il pull test e il wash test.

3) PULL TEST
Lo specialista fa scorrere la propria mano tra i capelli del paziente, tirandoli leggermente. In base al numero di capelli che si distaccano dal cuoio capelluto e ad un’osservazione dei bulbi, il medico è quindi in grado di effettuare una valutazione delle condizioni in cui versa il paziente: è in grado, ad esempio, di capire se si trovi di fronte ad una condizione di effluvio (ossia di perdita maggiore di capelli in un lasso di tempo relativamente breve, dovuta a situazioni temporanee di stress o traumi) o di defluvio (cioè di perdita di capelli sì minore, ma più dilazionata nel tempo e più difficilmente trattabile).

4) WASH TEST
Eseguendo un lavaggio della testa del paziente, e facendo osservazioni dirette sul numero di capelli caduti, lo specialista, così come nel pull test, è in grado di fare alcune valutazioni sulle cause scatenanti delle problematiche avvertite dal paziente.

5) ANALISI STRUMENTALI
Le tipologie di analisi strumentale del capello sono principalmente due:
a) tricometria: il capello viene analizzato tramite microscopio a luce polarizzata;
b) videodermoscopia: visione ingrandita del cuoio capelluto e del capello mediante microscopio a fibre ottiche.
Grazie a questi ulteriori esami lo specialista può constatare in maniera realistica le condizioni dei capelli del paziente.

Prenota la tua prestazione

Scopri di più sulla specialità

Leggi gli ultimi articoli

Gli specialisti per questa prestazione

Rosalba Fruttero

Specialista in Dermatologia

Visita il suo profilo >

Stefano Tardio

Stefano Tardio

Specialista in Dermatologia

Visita il suo profilo >

Fausto Cella

Specialista in Medicina e Chirurgia Estetica

Visita il suo profilo >